Scenario mondiale Convenzionale vs Sostenibile

scen1

Onde evitare le criticità prospettate dallo Scenario Convenzionale, l’Indice Globale della Fame 2012 suggerisce  da subito  strategie interdisciplinari e globali relative ai settori agricolo, idrico, energetico e alimentare:

  • Garantire i diritti alla terra e all’acqua in modo da assicurare una gestione sostenibile delle risorse naturali
  • Mettere gradualmente fine a inutili sussidi per acqua, energia e fertilizzanti
  • Creare un ambiente macroeconomico che promuova un uso efficiente delle risorse naturali attraverso investimenti in tecnologie agricole che tutelano le risorse naturali e favoriscono un uso più efficiente ed efficace di suolo, energia e acqua lungo tutta la catena del valore
  • Tenere sotto controllo i fattori che aggravano la scarsità di risorse naturali, affrontando per esempio le questioni del mutamento demografico, dell’accesso delle donne all’istruzione e della salute riproduttiva
  • Aumentare i redditi, diminuire le diseguaglianze e promuovere stili di vita sostenibili che contengano il cambiamento climatico
  • Adattare l’agricoltura al cambiamento climatico

scen2

Lo Scenario sostenibile pur ricordando che le risorse terra, acqua ed energia non sono illimitate, afferma che  gestendole meglio è possibile assicurare accesso al cibo per tutti. Non bisogna accettare passivamente uno Scenario Convenzionale fatto di sprechi che non mette in discussione gli scarsi investimenti in ricerca per l’agricoltura, l’uso inefficiente di suolo, acqua ed energia, le politiche sui biocarburanti, l’assenza di pari opportunità per donne e uomini. Uno scenario sostenibile non è un’utopia, è fatto di tante scelte collegate tra loro.

Si veda lo schema Rotta verso uno sviluppo sostenibile