NEL SUD DEL MONDO

Cesvi è impegnato in diversi Paesi del mondo con progetti di lotta alla fame e alla malnutrizione, attraverso una strategia multi-settoriale che va dalla gestione delle risorse naturali allo sviluppo agricolo, all’empowerment delle donne fino all’educazione alimentare dei bambini.

La filosofia dell’intervento Cesvi promuove la valorizzazione delle risorse locali e il protagonismo delle popolazioni beneficiarie in tutti i Paesi in cui Cesvi opera: il concetto di filiera corta, di sostenibilità ambientale, il rapporto tra il cambiamento climatico e settore agroalimentare riguarda tutti – nel Nord e nel Sud del mondo – per promuovere stili di vita eco-sostenibili.

Clicca qui per conoscere meglio l’approccio Cesvi alla sicurezza alimentare!

Uganda e Myanmar sono due Paesi chiave per capire l’approccio Cesvi al tema della sicurezza alimentare.

UGANDA

L’Uganda è un Paese di oltre 35 milioni di persone. Uno dei più poveri del mondo, dove il 38 per cento della popolazione vive con meno di 1,25 dollari al giorno e l’aspettativa di vita alla nascita si attesta intorno ai 54 anni d’età. Per più di 20 anni questo Paese è stato sconvolto da una guerra civile. In quel periodo Cesvi ha lavorato per rendere accettabili le condizioni di vita drammatiche degli sfollati. Ha fornito acqua pulita al 10% della popolazione, costruendo oltre 60 pozzi e servizi sanitari al 20% degli sfollati. Non solo: ha ricostruito 50 scuole, più di 800 latrine e ha distribuito 40 mila kit agricoli beneficiando oltre 145 mila sfollati.

Attualmente il Cesvi opera nel Nord dell’Uganda per aiutare gli sfollati che hanno fatto ritorno a casa a ricostruirsi una vita normale e iniziare attività economiche produttive. Oltre il 90% degli sfollati sono rientrati alle loro fattorie originarie, mentre il 10% sono rimasti nei centri di commercio nati intorno ai precedenti campi di sfollati. Gli interventi di Cesvi nel Nord Uganda mirano a supportare la ripresa delle attività economiche legate all’agricoltura attraverso il miglioramento delle infrastrutture e delle capacità dei contadini di commercializzare i propri prodotti, fornendo così un reddito in grado di garantire la sicurezza alimentare delle comunità.

Clicca qui per conoscere e sostenere i progetti Cesvi in Uganda!

MYANMAR

Le regioni più aride e secche del Myanmar sono fortemente sottosviluppate ed esposte a grossi rischi climatici. Tra queste, la regione di Magway è un’area in cui le comunità rurali hanno accesso limitato alle risorse (terra e acqua) e alle attività generatrici di reddito. Questo determina un deficit alimentare che si traduce in elevati livelli di malnutrizione, soprattutto tra la  popolazione infantile.

Cesvi lavora innanzitutto per aumentare la produttività agricola attraverso l’introduzione di colture variegate e tecniche innovative che consentano di incrementare il raccolto e ridurre la perdita delle derrate alimentari, e per migliorare la gestione delle acque disponibili attraverso sistemi efficienti di raccolta delle acque. Queste azioni sono supportate da attività di formazione e coinvolgimento delle istituzioni locali per rendere autonoma la sussistenza della popolazione.

Clicca qui per conoscere e sostenere i progetti Cesvi in Myanmar